lunedì 6 febbraio 2017

TENNIS NEWS : GIUDICE DI SEDIA COLPITO DA UNA PALLINA AD UN OCCHIO , CANADA ELIMINATO IN DAVIS !

Gran Bretagna e Canada erano alla sfida decisiva per l’accesso ai quarti di finale di Coppa Davis.
Kyle Edmund era avanti per 6-3, 6-4 e 2-1 e break contro il talentuoso Denis Shapovalov, campione di Wimbledon juniores.
Ad un certo punto, il giovane canadese, arrabbiato dopo un errore ed il break subito, decideva di afferrare la palla e colpirla con violenza.
Per sua sfortuna, la palla andava a colpire l’occhio sinistro del Giudice di Sedia.
Ovviamente, la decisione è immediata. Shapovalov squalificato, Canada eliminato !
L' arbitro transalpino Arnaud Cabas, dopo aver ricevuto i primi soccorsi ed aver applicato del ghiaccio sull’ematoma che si era formato, ha decretato la fine del match e la conseguente vittoria della Gran Bretagna.
Da regolamento è tutto ineccepibile.
Pochi giorni fa, a Melbourne, Maria Vittoria Viviani è stata squalificata per lo stesso motivo.
Non è infatti possibile ed accettabile, che un giocatore metta a repentaglio la salute di qualcuno lanciando palline o racchette in un campo occupato non solo da lui, ma anche dai vari giudici di linea, il giudice di sedia, l’avversario ed i raccattapalle. Oltre a questi casi, però, ce ne sono tanti altri in cui si è preferito chiudere un occhio, scusatemi per il gioco di parole :-)
Molti big della racchetta, senza fare nomi, si sono trovati in situazioni simili e non hanno avuto nessuna sanzione, che sia il caso di rivedere il regolamento ?

Tommy Haas ha comunicato che disputerà i seguenti tornei :
Delray Beach, Miami, Monte-Carlo, Munich, Madrid, Rome, French Open, Stuttgart, Halle , Wimbledon, Hamburg, US Open.

Novak Djokovic ha annunciato che non richiederà una wild card per l’ATP 500 di Dubai, e tornerà in campo direttamente a Marzo per giocare i tornei di Indian Wells e Miami.
Il serbo si sta allenando a Montecarlo.

Stefano Calzolari


Nessun commento:

Posta un commento

Nota. Solo i membri di questo blog possono postare un commento.